Dipartimento

Ricerca

Personale

Collabora

Laboratori

Magazine Contatti
EN

Data inizio

Ottobre 2018

Data fine

Dicembre 2023

Status

Attivo

La Scuola dei Quartieri

01/12
02/12
03/12
04/12
05/12
06/12
07/12
08/12
09/12
010/12
011/12
012/12

Data inizio

Ottobre 2018

Data fine

Dicembre 2023

Status

Attivo

La Scuola dei Quartieri (SdQ) è una scuola civica gratuita di innovazione sociale e imprenditorialità aperta a tutti i cittadini e diffusa in tutta la città di Milano. Concepita come un programma multidisciplinare di costruzione di capacità che prosegue la tradizione delle "scuole civiche" milanesi, contribuisce alla trasformazione di alcuni quartieri svantaggiati, diffondendo la capacità di progettare soluzioni di impatto sociale che rispondano ai desideri, ai bisogni e alle propensioni degli abitanti. Senza aule, si svolge dove le persone vivono e lavorano e mira a supportare i cittadini nel far accadere le cose, in modo da rendere i quartieri più inclusivi, vivaci e sostenibili.

Promosso dal Comune di Milano - Assessorato alle Politiche per il Lavoro e lo Sviluppo Economico\, e cofinanziato dall'Unione Europea - Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020\, è realizzato da un consorzio composto da partner suddivisi in due livelli di azione: a|cube\, Politecnico di Milano - Polimi DESIS Lab\, Spazio Aperto Servizi\, Fondazione Politecnico di Milano\, Kilowatt principalmente attivi sulla formazione avanzata e la sperimentazione; e Avanzi\, Comunità del Giambellino\, Dynamoscopio\, Gruppo Cooperativo Cgm\, PerMicro\, attivi sulla fase di avvio del progetto per scouting e community engagement.

La SdQ è organizzata in 4 cicli principali di scouting e incubazione, ciascuno composto da 3 fasi:
1. Scouting e partecipazione al bando SdQ: i cittadini sono chiamati a partecipare attraverso iniziative "in loco" organizzate come un programma aperto di incontri per far incontrare i bisogni e le opportunità dei quartieri con i potenziali innovatori sociali\, per poi guidarli nella presentazione delle loro idee al bando.
2. Formazione avanzata: i partecipanti selezionati partecipano a un programma di formazione intensivo in cui imparano a trasformare la loro idea in una soluzione concreta. La co-progettazione e la prototipazione sono competenze chiave\, perché il coinvolgimento di comunità multi-stakeholder fa parte del processo\, così come la capacità di trasformare una soluzione in un prototipo.
3. Prototipazione e supporto personalizzato: i partecipanti selezionati ricevono un supporto personalizzato e una sovvenzione di progetto fino a 25.000 euro per cofinanziare il primo anno di attività.

La SdQ mira a sostenere l'adattabilità e la resilienza della comunità in tempi di transizione. La sua idea è quella di far leva sulla capacità delle persone di diventare innovatori sociali per innescare una trasformazione sistemica dei quartieri e delle città verso l'inclusività e la sostenibilità. Questo obiettivo nasce dalla consapevolezza che i cambiamenti nei comportamenti dei cittadini verso modelli più sostenibili possono avvenire anche attraverso l'educazione, l'attivazione e il coinvolgimento civico, e viene perseguito attraverso meccanismi che operano sia a livello di processo che di risultato. Pertanto, il SdQ può essere considerato "civico" sia per la natura del promotore che per i risultati dell'apprendimento.

A livello di processo, cioè di funzionamento dell'iniziativa, la SdQ fa proprio il concetto che la transizione verso la sostenibilità deve avvenire in modo equo, senza lasciare indietro nessuno, producendo così valore per tutta la popolazione e praticando la solidarietà con le situazioni meno fortunate. Per questo motivo, l'azione si è concentrata sulle aree svantaggiate delle città e sull'uso sistematico degli asset esistenti (quartieri, luoghi e infrastrutture) per condurre le attività.

A livello di risultato, ossia di ciò che l'iniziativa produce, l'SdQ ha formato i partecipanti a un approccio all'innovazione basato sul design del sistema prodotto-servizio, in cui il cambiamento dei comportamenti, l'eco-design e l'innovazione del modello di business sono combinati per raggiungere la sostenibilità.

Pubblicazioni

Corubolo, M., Meroni, A.,  Selloni, D. (2021) Strengthening city resilience through the re-orientation of a social innovation incubation programme in Covid-19 time.The case of ‘The School of the Neighbourhoods’ In: Proceedings of the Design Culture(s) Cumulus Conference Roma 2021 (pp. 2471 – 2486)
 
Meroni A. (2021) Social innovation embracing participatory design. In F. Vacca (edited by) Fashioning social and cultural innovation, Mandragora pp. 25 – 35
 
Selloni, D. (2021). Co-design dei servizi e innovazione sociale: progettare insieme a cittadini, imprese e amministratori. In: Casarotto, L., Fagnoni, R., Sinni, G. “Dialoghi oltre il visibile: Il design dei servizi per i territori e i cittadini.” Ronzani Editore.

Gruppi di ricerca